Notizie RSS
    RSS
  • Tutti gli articoli
  • Tutti i commenti
Articoli popolari
Categorie

L’oro dichiara guerra all’economia mondiale

Se c’è una litania che non abbiamo cessato di ripetervi su lingOro.net, è quella della cantilena dell’economia mondiale: gli Stati Uniti sono certamente coperti dal loro recente successo contro Bin Laden, ma tra poco, quando l’entusiasmo sarà finito, si parlerà dell’ombra che grava sul gigante americano che rischia una severa punizione da Standard and Poor’s. Quando non sono nazioni come la Francia ad essere sull’orlo del fallimento o come il Giappone, molto fragile dopo gli avvenimenti di Fukushima… insomma, il sistema economico mondiale sembra avere già un piede nella fossa. E le soluzioni attualmente proposte non sembrano rassicurare i cittadini, al contrario: se questi, seguiti attentamente dagli investitori e dalle banche centrali, si rifugiano letteralmente nell’oro, il cui andamento sta esplodendo, non è per caso. E noi non siamo i soli ad affermarlo!

Max Keiser in guerra contro il sistema economico

Max Keiser, analista finanziario e accanito oppositore del sistema fiduciario e economico, si ribellava già in un video del 2009. Sull’argomento dell’iniezione di liquidità delle banche centrali Keiser dice che non serve a niente dal momento che questa inietta ancora più credito nel sistema. Il nostro sistema bancario è un malato in fase terminale.

Perché l’economia USA sta per crollare in una depressione?

Iniettare qualche miliardo o più non farà si che questo cavallo morto si alzi e cammini! L’economia è morta a causa dei troppi debiti: questi avrebbero dovuto recedere nel 2002, dopo l’esplosione della bolla internet. Oggi, il dollaro vale qualche banana! << Io – afferma Keiser – cerco oro che va oltre i 1 000 $ l’oncia perché la gente è stanca delle bugie delle banche centrali […] Le persone si rifugiano nell’oro, e l’oro salirà ancora di più. Il dollaro è, oggi, la più grande minaccia terrorista che esista sulla faccia della terra >>.

Più recentemente, Keiser, è sceso in campo con una campagna chiamata “Silver Liberation Army”. Il suo scopo? Cercare di essere tutti uniti per salvare il nostro patrimonio, proteggere i nostri vicini dall’inflazione e dire basta alla banche centrali. Come? Comprando un oncia, una moneta o un lingotto d’oro.

L’analisi d’Olivier Delamarche

Olivier Delamarche, giornalista economico e gestore di Platinium Gestion, viene invitato tutte le settimane come ospite a BFMTV per criptare la vita economica. Pezzi scelti: “I mercati bevono tutto e non anticipano niente. La situazione americana è tanto grave come quella della Grecia. Voi siete faccia al muro, non ci sono strategie d’uscita. L’unica soluzione è la recessione, l’austerità e le imposte per ridurre il debito degli USA”.

James Turk: l’oro a 8 000 $ per il 2015

James Turk, fondatore e presidente di GoldMoney.com, fa le sue previsioni sull’andamento dell’oro: l’argento e l’oro saliranno moltissimo, 1 800 $ per l’oro e 50 $ per l’argento da qui a giugno 2011. E tra il 2013 e il 2015, prevedo un andamento dell’oro a 8 000 $ l’oncia, e 400 $ per l’argento. Queste previsioni le avevo già fatte nel 2003, e all’epoca l’andamento dell’oro era di 300 $. E dal 2003, niente mi ha fatto cambiare idea. Negli anni ’70, l’oro è passato da 35 $ nel 1971 a 800 $ negli anni ’80. Se la storia di ripete, si può passare da 350 $ a 8 000 $. E’ quello che aspetto. Dobbiamo prepararci all’affondamento del dollaro ed è quello che l’aumento del prezzo dell’argento e dell’oro ci stanno facendo capire. Il dollaro perderà il suo statuto di riserva mondiale”.

Alessia Pinna

 

Leave a Reply