Notizie RSS
    RSS
  • Tutti gli articoli
  • Tutti i commenti
Articoli popolari
Categorie

Il Krugerrand: moneta d’oro a livello mondiale

Il Krugerrand è la moneta più conosciuta e più ricercata al mondo fin dagli anni ’70 per il suo valore e la sua particolarità. Il suo nome deriva dal ritratto di Paul Kruger riportato al dritto, mentre al rovescio vi è raffigurata una gazzella (springbok) che è, come saprete, uno dei simboli nazionali del Sudafrica. Il Krugerrand è, infatti, una moneta d’oro sudafricana coniata per la prima volta nel 1967 con l’obbiettivo principale di sostenere sul mercato l’oro sudafricano. In principio, non venne inteso come una vera e propria valuta, ma ben presto diventò mezzo di pagamento legale nel Sudafrica.

Krugerrand - il dritto con il profilo di Paul Kruger

Paul Kruger, l’uomo raffigurato al dritto, era un uomo di politica che ricoprì, anche, la carica di presidente della Repubblica del Transvaal dal 1883 e il 1902. Egli riuscì a negoziare la completa indipendenza del Transvaal. E’ per questo che il suo volto è impresso in questa moneta. Egli, è infatti, considerato come un’icona nell’Africa del Sud. L’origine del nome della moneta KrugerRand è quindi dovuto a Kruger e al Rand che è il nome della valuta ufficiale del Sudafrica. Il Rand esiste fin dalla sua indipendenza, vale a dire dal 1961 e, il suo nome deriva dal Witwatersrand, che significa “spartiacque d’acqua bianca” in Afrikaans, dove nell’800 si concentrò la corsa dell’oro africana.

Nella moneta Krugerrand viene indicato anche il nome Suid-Afrika/South-Africa insieme con il valore nominale in afrikaans e in inglese.

Il Krugerrand fu la prima moneta lingott0 ad essere trattata al valore di mercato del suo effettivo contenuto in oro. E non solo, il Krugerrand è stata anche la prima moneta a contenere un’oncia di oro fino ad essere destinata a costituire uno strumento per il possesso legale dell’oro da parte di privati. Una simile caratteristica fece di questa moneta un’alternativa all’acquisto di lingotti meno facile da manipolare o convertire in denaro. Da quel momento in poi, la moneta conobbe una grande diffusione sopratutto negli Stati Uniti d’America, agli esordi del 1970, in un’epoca in cui la detenzione di lingotti era vietata al grande pubblico, ma permetteva il possesso di monete d’oro straniere.

La differenza tra un Krugerrand e le altre monete d’oro precedenti, come ad esempio la britannica Gold Sovereign, stava nel fatto che il valore nominale della prima, come già detto, rimaneva quello effettivo del suo contenuto in oro, mentre quello della britannica poteva variare anche in maniera lieve dal valore dell’effettivo contenuto di oro. Capiamo bene, allora, che il Krugerrand diventò un investimento interessante per i risparmiatori statunitensi.

Il Krugerrand d’oro subì, tuttavia, un periodo di boicottaggio negli anni ’70 e ’80 in diversi Paesi dell’Occidente, a seguito delle sanzioni contro il Sudafrica durante l’apartheid. La circolazione di questa moneta venne, poi, riammessa nel periodo compreso tra il 1990 e il 1994.

Inizialmente, il Krugerrand veniva venduto con una commissione del cinque per cento sul valore totale del suo contenuto in oro e veniva coniato in un unico taglio, quello dell’oncia, vale a dire 31, 1035 grammi di oro fino. Oggigiorno, la sua coniazione viene effettuata su diversi tagli e così anche la commissione che è solamente dell’uno per cento sul prezzo di mercato dell’oro.

E’ stato stimato che nel periodo tra il 1967 e il 1969 sono state coniate circa 40 000 monete all’anno presso la Zecca di Pretoria e nel 1970 la quantità di Krugerrand in circolazione è salita a 211 018 monete. Una cifra esorbitante per il periodo! Ma è nel 1974 che la cifra di monete coniate supera il milione con 3,2 milioni di monete, mentre il record assoluto viene raggiunto nel 1978 con sei milioni di Krugerrand coniati.

La produzione di Krugerrand ha rallentato in seguito alle sanzioni anti-apartheid e ha raggiunto il suo record in negativo nel 1995 con 8 285 monete da un’oncia. Il punto più basso di conio dell’intera serie di Krugerrand è stato registrato nel 1998 con 23 277 monete. E’ solo nel 2000 che si assiste, finalmente, ad una ripresa dei livelli di produzione della moneta Krugerrand e, anche se i livelli di coniatura non hanno mai sorpassato quelli degli anni ’70 e sono diminuiti di un quarto, il Sudafrica rimane comunque il maggior produttore di oro di tutto il mondo. Infatti, continua a produrre oro, garantendone la qualità, il peso e la purezza tramite un certificato emesso per ogni singola moneta.

Krugerrand - Il rovescio con la gazzella (springbok)

Nel 1980 vennero introdotti nel mercato altri tre tagli, da 1/2 , 1/4 e 1/10 di valore. In totale, sono stati coniati 54, 5 milioni di pezzi.

Il krugerrand più comune, quello da un’oncia per ogni moneta, pesa di fatto 1, 0909 once troy. La purezza del suo contenuto d’oro è del 916,67% (che corrisponde a 22 carati nel settore della gioielleria) il che indica che ogni moneta d’oro contiene esattamente un’oncia troy di oro, mentre il resto è composto da rame.

Perché è sicuro acquistare dei Krugerrand?

Grazie all’enorme successo riscontrato dalle monete Krugerrand intorno agli anni ’70 – ’80, altri paesi produttori di monete d’oro furono spinti a coniare delle monete d’oro proprie, come il Canada con il suo Maple Leaf, gli Stati Uniti con la Gold Eagle e l’Australia con il suo Nugget. Ma mai nessuna di queste monete è riuscita a superare il Krugerrand e rimane, tutt’oggi, la moneta preferita da chi investe in oro e chi tiene d’occhio i costi.

Vediamo insieme il perché del successo della moneta sudafricana:

  • Il Krugerrand viene coniato in così grandi quantità che non rischierà mai di sparire dalla circolazione o di diventare scarso. Per fare un esempio, negli ultimi 40 anni la Rand Refinery ha prodotto e immesso sul mercato circa 54 milioni di monete Krugerrand d’oro.
  • Il Krugerrand non è ammirato per la sua bellezza e il suo design tra i collezionisti di monete d’oro, a differenza ad esempio dell’American Eagle e del Saint Gaudens. E’ proprio grazie alla mancanza di rarità di questa moneta d’oro che per chi investe o ha intenzione d’investire in monete ogni oncia d’oro contenuta in un Krugerrand è il più simile possibile all’oro da investimento.

State attenti alle truffe cosiddette dei “Krugerrand d’argento” !!!

Alcuni siti internet offrono i “Krugerrand d’argento”, ma non esiste alcuna cosa definibile legalmente come “Krugerrand d’argento”. Sono, perciò, monete non ufficiali perché non prodotte o specificate dalla Zecca (South Africa Mint) o dal governo del Sudafrica. Possono essere delle semplici monete di scambio tra collezionisti, ma non hanno alcun valore legale!

 

Alessia Pinna

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2 Responses to “Il Krugerrand: moneta d’oro a livello mondiale”

  1. Mattia Says:

    Buongiorno.. Il mio nonno ha lasciato a me e ai miei due fratelli 3 di queste monete… Krugerrand del 1974 .
    Ieri guardavo in internet ( con mia enorme sorpresa ) quanto i Comproro siano disposti a valutarla!
    Visto il brutto momento che stò attraversando volevo chiederVi a quanto posso vendere questa moneta? E poi, se in futuro può aumentare ancora il suo valore?
    Grazie per l’interessamento Mattia Zambon

  2. alessia Says:

    Caro Mattia,
    lei è veramente fortunato ad avere dei Krugerrand! Queste sono tra le migliori monete d’oro da investimento di tutto il mondo!

    Tanti nostri lettori ci chiedono il valore delle loro monete e la risposta è sempre la stessa: non si può fare una valutazione di una moneta senza prima averla esaminata e aver valutato le sue condizioni (per maggiori informazioni legga questo nostro precedente articolo https://www.lingoro.net/soldi/stato-di-conservazione-delle-monete/626/).

    Per conoscere il prezzo di mercato delle sue monete la invito a cliccare su questo link https://www.lingold.com/cotation—cours-de-l-or-pieces-d-or-et-lingots-.htm?ob=cotation&act=GetSpot3Months&notiframe=1. Qui troverà i prezzi di tutte le migliori monete d’oro da investimento.

    Buona giornata.

    La Redazione LingOro.net

Leave a Reply