Notizie RSS
    RSS
  • Tutti gli articoli
  • Tutti i commenti
Articoli popolari
Categorie

Quali monete acquistare ?

Acquistare monete d’oro è il miglior modo per investire nell’oro, offrire una sicurezza in più ai vostri cari o, semplicemente, per diversificare il vostro portafoglio. Ma quali monete acquistare ? 

Per prima cosa dovete ragionare più da investitori che come collezionisti. Ciò significa che dovete interessarvi piuttosto alle monete che rientrano nella categoria dell’oro da << investimento >>. Tutto questo è perfettamente riconosciuto dall’amministrazione fiscale a livello europeo.

Sono così considerate come oro << investimento >> le monete con una purezza ( proporzione oro, o titolo) uguale o superiore a 900 millesimi coniate dopo il 1800, che hanno (o hanno avuto) un corso legale nel loro paese d’origine e il cui prezzo di vendita non supera l’80% del valore dell’oro ch’esse contengono.

Lo spread è un vero e proprio effetto leva che demoltiplica il vostro investimento in oro sul lungo termine. Solamente le monete d’oro possiedono uno spread potenziale significativo.

Lo spread è il principale criterio determinante, cioè vi aiuta a capire il fatto che l’acquisto di una moneta d’oro è più vantaggioso e sicuro che qualsiasi altro supporto legato all’oro.

E’ essenziale focalizzarvi sull’acquisto di monete aventi un potenziale di crescita sullo spread il più elevato possibile e di acquistarle nel momento in cui lo spread è più basso. In questo modo conserverete intatto tutto il potenziale di crescita della moneta, sia per quanto riguarda l’oro sia per lo spread che non farà che aumentare col passare degli anni.

E’ preferibile conservare la patina d’origine di ogni moneta. I professionisti consigliano di non lavare mai le monete pensando di renderle brillanti e meno rovinate perché, al contrario, il metallo verrà intaccato e i dettagli della moneta saranno rovinati per sempre.

Una moneta è una vera testimone della nostra storia. Generalmente piccole come i nostri Euro, queste monete in oro fanno appello a tutto un vocabolario tecnico numismatico per descriverle e designarne la loro qualità.

Anche se non esiste un metodo scientifico che dimostri la qualità delle monete d’oro, esiste tuttavia una scala di notazione basata su dei criteri oggettivi (qualità di un dettaglio) e soggettivi (aspetto globale). Così, una moneta di qualità B (per Bello) sarà piuttosto mediocre, riservato per la fonderia, mentre una moneta FDC (Fior di Conio) sarà come nuova, senza nessuna traccia d’usura, con l’integrità del suo conio iniziale.

Comprare in una logica d’investimento una moneta d’oro leggermente usata non è assolutamente un problema. La cosa importante, è che questa non abbia perso il suo materiale, cioè che il suo peso in oro, al momento dell’acquisto, sia più o meno lo stesso del suo peso originale, e che la sua qualità le permetta di aumentare lo spread nel tempo.

 

Alessia Pinna

 

Tags: , , , ,

Leave a Reply