Notizie RSS
    RSS
  • Tutti gli articoli
  • Tutti i commenti
Articoli popolari
Categorie

Il marco tedesco: una moneta ricca di storia

Dritto del marco tedesco.

Il marco tedesco, creato nel 1873, è una moneta dalle mille sfaccettature ed è strettamente legato alla storia politica della Germania.

Il marco tedesco: un po’ di storia

Nel 1861, dopo gli anni delle guerre napoleoniche, Guglielmo le incastonò sul trono di Prussia, che all’epoca dominava la Confederazione germanica. La Prussia incluse alcuni stati tedeschi tra cui Hannover. In una guerra che opponeva la Prussia alla Francia, tutti gli stati tedeschi offrivano i loro eserciti alla Prussia. Dopo la vittoria della Prussia sulla Francia nel 1870, gli stati tedeschi furono riuniti tutti sotto una stessa politica: il secondo impero tedesco. Il re di Prussia venne proclamato imperatore, detto “Kaiser”. Dal 1873, una nuova moneta, la Reichsmark, venne instaurata nell’impero: 56 regni, 6 granducati, 7 principati e 3 città libere. Ogni stato tedesco coniava i propri Reichsmark d’oro.

I Deutsche Marks coniati dalla Prussia erano i più diffusi: vi è figurato il busto dell’imperatore Guglielmo in uniforme da corazziere, con l’iscrizione “DEUTSCHER KAISER KONIG VON PREUSSEN” (imperatore tedesco, re di Prussia). Tra le monete d’oro da 20 marchi più conosciute coniate dalla Baviera, la città di Amburgo, Wurttemberg, Baden e Sassonia.

Ogni moneta riportava una lettera che indicava la città dov’era stata emessa:

–          A : Berlino

–          B : Hannover

–          C : Francoforte

–          D : Monaco

–          E : Dresda

–          F : Stuttgart

–          G : Karlsruhr

–          H : Darmstadt

–          I : Amburgo

La guerra del 1914 mise fine alla coniazione della moneta d’oro tedesca, e la disfatta tedesca del 1918, che portò all’abdicazione dell’imperatore Guglielmo II, fu seguita dalla proclamazione della Repubblica.

Lista delle effigie rappresentate sulle monete d’oro tedesche:

– Prussia . Guglielmo I, Federico III, Guglielmo II in uniforma

– Baden : Federico I

– Amburgo : Blasone

– Sassonia : Giorgio I

– Baviera : Luigi II

– Wurttemberg : Guglielmo II

I 20 marchi d’oro: descrizione

Rovescio del marco tedesco.

Sul rovescio dei 20 marchi in oro, si può vedere una corona imperiale. Al di sotto di questa c’è un aquila con la collana dell’ordine dell’Aquila Nera: quest’ordine era l’ordine onorifico supremo del regno di Prussia, instaurato da Federico III di Brandeburgo nel 1701. Sul petto dell’uccello è inciso uno scudo riportante le armi degli Hohenzollern, una famiglia reale europea che regnava su Brandeburgo e sul Ducato di Prussia dal 1525. Nel 1871, fu proclamato l’impero tedesco: i membri della famiglia aggiunsero ai loro titoli quello d’Imperatore tedesco che mantennero fino al 1918, quando Guglielmo II abdicò. L’inscrizione “Deutsches Reich”, ovvero “impero tedesco”, era presente su tutti i marchi tedeschi coniati tra il 1890 e il 1914. Su una parte dei 20 marchi si legge “GOTT MIT UNS” (Dio è con noi).

Peso : 7, 9650 grammi

Diametro : 22,5 mm

Titolo : 900/1000e

Emissione : 1871-1915

I 10 marchi d’oro

Il rovescio e la faccia dei 10 marchi d’oro sono identici a quelli dei 20 marchi: si ritrova l’aquila e l’effigie degli imperatori. Tuttavia, su una parte delle monete d’oro, si possono intravedere dei grappoli d’uva e delle stelle.

Peso : 3,97 grammi

Diametro : 19,5 mm

Titolo : 900/1000e

Emissione : 1871-1915

Il marco d’oro: interesse per il risparmiatore

I marchi tedeschi sono molto ricercati e la loro varietà gli rende molto attraenti agli occhi dell’investitore: in effetti, la politica tedesca degli anni che precedono la guerra ha permesso una grande quantità di coniazione dello stesso modello. Si può cosi passare dagli esemplari più diffusi a delle monete d’oro molto rare. All’epoca, la Prussia, era la provincia più grande  e più ricca dell’impero prussiano: i 20 marchi prussiani, in particolare, restano delle monete molto interessanti e ambite tanto per i collezionisti quanto per gli investitori, sia per la loro affascinante storia, sia per le loro particolarità artistiche.

 

 

 

One Response to “Il marco tedesco: una moneta ricca di storia”

  1. paola del balzo Says:

    buongiorno,posso sapere il valore di 20 marchi 1872
    willhelm deutcherkaiser koning v.preussen?

Leave a Reply