Notizie RSS
    RSS
  • Tutti gli articoli
  • Tutti i commenti
Articoli popolari
Categorie

Le importazioni d’oro del Pakistan arrivano al 102%

In vista del record d’importazioni d’oro in Pakistan, il governo ha deciso di sospenderle per un mese al fine di preservare le proprie riserve di valute e ridurre il contrabbando endemico presente nel Paese.

In seguito alla decisione del governo indiano, che vieta le importazioni di oro imponendo una tassa dell’8%, gli acquirenti si sono spostati in Pakistan dove l’importazione di oro è permessa ed è esente dai dazi doganali dal 2001.

Le importazioni di oro in Pakistan sono salite fino al 102% tra il 2012 e il 2013. Secondo il Pakistan Bureau of Statistics, 6.745 chili di oro del valore di 346.255 milioni di dollari sono stati importati tra 2012 e il 2013 comparati alle importazioni di 3.267 chili del valore di 171.674 di dollari tra il 2011 e il 2012.

Su base mensile, le importazioni d’oro registrate nel mese di giugno 2013 sono aumentate del 176.17% rispetto a quelle del 2012. Le importazioni d’oro nel giugno 2013 sono stimate a 40.252 milioni di dollari contro i 14.575 del giugno 2012.

Divieto d'importazione d'oro

A causa del grosso giro di contrabbando d’oro in India, le autorità pakistane hanno deciso d’interrompere le importazioni per un mese, dato l’uso improprio e l’abuso dell’importazione d’oro, esente dai dazi doganali.

Il governo indiano è impegnato in una lotta contro il contrabbando d’oro, che è aumentato del 365% circa tra il mese di aprile e quello di giugno 2013, confrontato allo stesso periodo del 2012.

Questa differenza a livello di tasse d’importazione sembra essere la causa dell’aumento delle importazioni non sottomesse ai dazi doganali in Pakistan e del contrabbando verso l’India.

Il governo pakistano prese anche l’iniziativa di diversificare le esportazioni promuovendo quella dei gioielli in oro a valore aggiunto. Il governo istituì dei regimi speciali che permettevano agli esportatori di gioielli d’importare oro senza doversi fare carico dei dazi a condizione che l’oro venisse esportato nuovamente dopo essere stato convertito in gioielli lavorati e impreziositi con pietre preziose.

Leave a Reply