Notizie RSS
    RSS
  • Tutti gli articoli
  • Tutti i commenti
Articoli popolari
Categorie

Le prospettive economiche per il 2012

Le prospettive per il 2012 non sono incoraggianti. Si fa fatica a pensare ad un miglioramento vista la mancanza di coesione della zona euro e l’assenza di soluzioni durevoli alla crisi.

Per aiutarci a capire meglio lo svolgersi della crisi nel 2012 abbiamo parlato con il Direttore degli studi economici di AuCOFFRE.com, Charles Sannat.

Vediamo insieme quali sono le sue previsioni:

  1. Il “disaccoppiamento” zona Euro / USA in termini di crescita e di politica monetaria è il primo fattore di aggravamento della crisi economica mondiale attuale. Grazie ad una forte monetizzazione e un piano di sostegno, gli Stati Uniti conosceranno una leggera crescita, mentre l’Europa si sta avviando verso una recessione grave e profonda.
  2.  

  3. I bassi tassi d’interesse praticati dalle banche centrali sono il secondo fattore di aggravamento. Gli Stati non avrebbero comunque la possibilità di rimborsare dei prestiti a tassi più elevati, poiché questi sono insolvibili. Dunque, fino a che i tassi saranno bassi, l’economia faticherà a riprendersi. E’ un serpente che si morde la coda.
  4.  

  5. I problemi dei finanziamenti bancari. Il “credit crunch” (banche che limitano la loro offerta di credito) implica ovviamente più investimenti, più prestiti, e ciò significa che le banche non stanno andando bene. Bisognerebbe che gli istituti bancari aumentassero i loro fondi con un incremento del capitale (cosa complicata allo stato attuale), e riducessero la loro esposizione al credito. Con le regole di Basilea III, delle nuove norme per << rinforzare le banche >>, si chiede ad esse di rinforzare i loro fondi, cosa che comporta meno offerta di finanziamenti. Questo costituisce ovviamente un altro fattore aggravante.
  6.  

  7. Il finanziamento del debito degli Stati: il piano di rigore annunciato (e non sarà di certo l’ultimo) implica un ribasso dei redditi, cosa che ci porterà dritti alla recessione: niente crescita = niente solvibilità.
  8.  

  9. Un anno di forte volatilità dei mercati fa si che si vivrà ancora tra illusione e speranza di risanamento dell’economia, che saranno presto deluse. Da questo punto di vista, rivivremo l’anno 2011, ma in peggio!
  10.  

  11. I Paesi emergenti conosceranno un fine anno difficile, specialmente la Cina, il cui primo cliente è la zona euro, che smetterà di acquistare e ripiegare su di essa.

Tra gli altri indicatori negativi, non sentiremo più parlare delle entità finanziarie che dovrebbero arrivare in aiuto della zona euro: il Fondo Europeo di Stabilità Finanziaria, il Fondo Monetario Europeo, o ancora il Meccanismo Europeo di Stabilità sono dei progetti morti sul nascere.

Per farla breve, dal 2011 siamo entrati in un ciclo di disindebitamento, con tutte le problematiche che ciò comporta, per il quale ci vorrà del tempo. Ci sono ovviamente delle buone occasioni da cogliere al più presto, sopratutto per quanto riguarda l’oro che resta il solo ed innegabile valore rifugio. Non c’è nessun bisogno di acquistare cifre esorbitanti per mettersi al riparo dagli eventi futuri, un grammo oggi, un grammo domani…

L’acquisto di oro non è più una questione commerciale, ma di sopravvivenza!

Alessia Pinna

Tags: , , , , , ,

Leave a Reply