Notizie RSS
    RSS
  • Tutti gli articoli
  • Tutti i commenti
Articoli popolari
Categorie

Gli acquisti delle banche centrali continueranno ad aumentare nel 2013

Quest’anno, gli acquisti di oro da parte delle banche centrali saranno ponderati sul mercato, con domande costanti, cosa che dovrebbe consolidare i prezzi al livello dell’offerta.

Secondo le recenti statistiche di Gold Survey GFMS, un ramo di Thomson Reuters, si prevede che l’ammontare netto degli acquisti raggiungerà le 280 tonnellate nel primo semestre di quest’anno. Nel 2012, l’ammontare totale netto degli acquisti d’oro si elevava a 536 tonnellate, vale a dire il 17.4% in più sull’annualità e un ammontare record dal 1964.

Visto il progressivo deterioramento della situazione economica negli Stati Uniti, il dollaro diventa meno rassicurante in termini di diversificazione, bisogna pensare ad altre alternative.

Inoltre, la crisi del debito continua nella zona euro e l’ammorbidimento delle banche centrali più importanti come quella del Giappone, potrebbe mantenere i rendimenti sulle obbligazioni sovrane a livelli estremamente deboli. Questi sviluppi potrebbero provocare una perdita di fiducia nelle monete fiat, cosa che spingerebbe i Paesi in via di sviluppo a destinare una parte delle nuove riserve per l’oro.

Le banche centrali dei paesi emergenti hanno aumentato notevolmente gli acquisti di oro negli ultimi anni per rafforzare rapidamente le riserve di valute poiché le crisi del debito sovrano hanno pesato sulle monete tradizionali come il dollaro americano e l’euro. Un numero crescente di Paesi come il Messico, la Colombia, il Tagikistan e l’Ucraina hanno mostrato un aumento della domanda di oro.

La domanda di oro delle banche centrali sarà forte quest’anno. Tuttavia, il ritmo degli acquisti dovrebbe essere stabile se si tiene conto della taglia del mercato dell’oro, secondo GFMS.

Inoltre, la portata di eventuali difficoltà politiche in un momento in cui la fiducia nel mercato delle obbligazioni è ancora molto fragile potrebbe restringere il volume degli acquisti da parte dei Paesi in via di sviluppo.

Tuttavia, non sarà una sorpresa se il prezzo dell’oro aumenterà quest’anno, sopratutto se la fiducia nel dollaro diminuirà prima. Viste le circostanze, il potere d’acquisto delle banche centrali potrebbe essere nettamente superiore

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply