Notizie RSS
    RSS
  • Tutti gli articoli
  • Tutti i commenti
Categorie

Le monete difettose: quando l’imperfezione vale oro!

LINGOLD SAVING PLAN - GOLD

40 francs - Premier Consul. Bonaparte.

Errore di coniatura, problema tecnico, inesperienza, disattenzione… La coniatura delle monete conosce avvolte dei rimbalzi, e vengono prodotte delle monete difettose. Lungi dall’essere degli “scarti”, queste monete sono spesso ricercate dai collezionisti e alcune possono valere anche qualche migliaia di euro! Primo piano su queste monete la cui imperfezione vale oro.

Cos’è una monete difettosa?

Nell’opera “Le monnayage et les monnaies fautées” di Jean-Claude Chort, l’autore afferma che “tutte le valute non fedeli al modello originale o non conformi al capitolato d’oneri possono essere ritenute difettose se la differenza è dovuta ad un errore o ad un problema tecnico e non è dunque auspicata. Il difetto può essere visibile o molto discreto, senza tuttavia mancare d’interesse per il collezionista.

Perché esistono le monete difettose?

Le monete sono prodotte in milioni di copie: a questo ritmo molto intenso è impossibile non lasciare passare alcune parti che comportano dei difetti. Tuttavia, rispetto alla massa impressionante di parti prodotte, la parte di monete difettose è minima. Così, si trovano in circolazione delle monete che hanno dei difetti, ma che restano molto ricercate grazie alla loro singolarità e unicità.

Quali difetti si possono riscontrare nelle monete difettose?

Gli errori monetari sono all’origine di quattro fonti identificate:

–          Gli angoli e la ghiera

–          Gli spazi vuoti

–          Gli assemblaggi e le messe a punto

–          La stampa e la coniatura

Si ritrovano così delle anomalie sulle monete difettose come:

–          Sugli angoli e le ghiere: angolo con legenda, data, segno distintivo o altro marchio errati, angolo doppio, angolo rotto (fenduto, spezzato, affossato ecc..) angolo alterato, ghiera erronea o rotta.

–          Sulla parte vuota: errore di laminazione, taglio, assemblaggio, difetto di placcaggio, rame difettoso, problema di lega ecc..

–          Assemblaggio e messa a punto: errore di assemblaggio, errore di messa a punto sulla stampa (battitura in medaglia, angoli non allineati, battitura molle ecc..)

–          Stampa e coniatura: battitura decentrata, identico dei due lati, multiplo, con angolo girato, sezione difettosa alla battitura ecc..

Come riconoscere una moneta “falsa” da una “difettosa” ?

Le monete difettose sono la pura produzione di una vera moneta che ha contratto delle anomalie indipendenti dalla volontà del produttore. Le monete false sono intenzionalmente alterate o modificate. Alcuni falsificatori non esitano, per esempio, a lasciare le monete nell’acido o ad immergerle nell’acqua salata per corrodere la materia e modificare l’aspetto della moneta. Esistono ugualmente altre manipolazioni come sbeccare un angolo, alterare il colore della moneta, restringere la moneta.

Per distinguere le monete e fare la differenza tra quelle false e quelle difettose sono indispensabili dei macchinari specifici:

–          La lente d’ingrandimento

–          Il binocolo prismatico, che permette d’individuare le placcature artigianali e i falsi ibridi

–          La bilancia elettronica

–          Il calibro

–          Il magnete, che permette d’individuare i difetti magnetici

Qual è il valore delle monete difettose?

Non esiste una quotazione ufficiale per queste monete: il loro valore è stabilito secondo la legge dell’offerta e della domanda. L’offerta, come già detto precedentemente, è particolarmente ridotta, essendo delle monete molto rare quindi non facilmente trovabili in circolazione. La domanda resta confidenziale, ma esiste! In Francia, la tendenza aumenta, ma resta ancora marginale, mentre negli Stati Uniti, per esempio, le monete difettose riscontrano un grande successo già da parecchi anni. Un pezzo con un angolo rotto potrà valere 1€, un Napoleone 40 franchi 12 000€! Per quanto riguarda le monete difettose americane, alcune vengono negoziate tra i 30 000 e 350 000 dollari. Non male come affare !

In parole povere, se v’imbattete un giorno in una moneta difettosa non fatevela scappare !

 

Alessia Pinna

 

Tags: ,

Leave a Reply