Notizie RSS
    RSS
  • Tutti gli articoli
  • Tutti i commenti
Categorie

Archive for September, 2013

I porti franchi : rifugi ultra sicuri per beni di valore

Monday, September 23rd, 2013
LINGOLD SAVING PLAN - GOLD
Sapete dove si trova la più grande concentrazione d’opere d’arte al mondo ? Non nei musei… ma nei porti franchi, dei luoghi dove si possono stoccare dei beni di valore… ma anche dei luoghi oggetto di fantasia, in ragione della discrezione che li circonda e del valore degli oggetti che vi si trovano. Questi capannoni di diverse migliaia di metri quadrati, altamente sicurizzati, beneficiano di condizioni doganali allettanti.

Dei depositi in tutto il mondo

In Europa e nel resto del mondo, vi sono numerosi Paesi che vantano sul loro suolo delle zone franche : se ne contano una dozzina in Germania, una mezza dozzina in Spagna e una decina nel Regno Unito. In Italia, le zone franche sono otto. Alcuni porti franchi sono dei semplici luoghi di custodia nel mondo. Spesso sono dei luoghi di passaggio, che permettono di custodire dei beni prima di un nuovo trasporto. Ma per altri, i porti franchi rappresentano un luogo dove poter conservare dei beni a condizioni finanziarie molto vantaggiose. Questi aspetti fanno dei porti franchi delle vere e proprie casseforti per qualsiasi tipo di bene e di valore.

No dazi doganali, no IVA

Per tutta la durata della custodia di questi beni nelle zone franche non si pagano né dazi doganali né IVA. E solo nel momento in cui questi beni vengono fatti uscire dal luogo di stoccaggio che vengono tassati nel loro Paese di destinazione.

Il vantaggio è ancora maggiore per chi possiede beni di grande valore… che possono essere stoccati. E visto che il segreto, caratteristico delle banche svizzere, si applica anche alla dozzina dei porti franchi svizzeri, c’è spazio per la fantasia… ancor più perché la realtà non è poi così lontana dall’immaginario collettivo. La Svizzera gioca infatti un ruolo ben preciso : i suoi porti franchi sono famosi per essere dei veri e propri centri del mercato dell’arte. Il solo porto franco di Ginevra << concentrerebbe il più grande stock di opere d’arte al mondo, dal valore inestimabile >>, sostiene Swissinfo.ch

Diversi fondi simili si sono costituti anche in Cina. Ma la Svizzera conserva il primato su un mercato basato sulla fiducia e la discrezione… delle carte vincenti che gli svizzeri hanno sotto controllo !

Custodia sicura nella più totale discrezione

Custodire il proprio oro in Svizzera: è una delle soluzioni più sicure, anche e sopratutto in periodi di crisi

A Ginevra, in particolare, sono presenti centinaia di migliaia di metri quadrati per la custodia di beni di valore. Per le opere d’arte, ciò si traduce, ad esempio, col fatto che vi sono le condizioni ideali per la loro conservazione. Ma un insieme di servizi completa la custodia di alta qualità, fino ad arrivare ad un livello di sicurezza molto alto. A nessuno è permesso entrare negli spazi ultra-sicurizzati senza permesso e controlli adeguati.

Le opere d’arte non sono l’unico tesoro di queste caverne di Ali Babà dei tempi moderni. Nel giugno 2012, un articolo pubblicato su “Les Echos”, evocava infatti le centinaia di migliaia di bottiglie di vino custodite nei porti franchi di Ginevra, in un magazzino affittato dalla società di Lussemburgo, Elite Advisers. In attesa di essere vendute o esportate, queste bottiglie tra le più ambite al mondo, vengono lasciate in custodia e conservate per lungo tempo. I grandi vini, i gioielli preziosi, le monete antiche o ancora i diamanti sono tutti beni che i proprietari possono scegliere di custodire in un porto franco. E anche l’oro !

I vantaggi di una cassaforte sicurizzata Extra UE

La custodia del proprio oro in Svizzera è una soluzione proposta da LinGOLD.com. I vantaggi sono molteplici : una cassaforte al di fuori del sistema bancario con una sicurezza rinforzata (un servizio che le banche propongo sempre meno) e al di fuori dell’UE. In caso di grave crisi, è molto più semplice recuperare il proprio oro in un Paese come la Svizzera, piuttosto che dover contare su un oro stoccato a Singapore o in un qualsiasi altro Paese del mondo !

Al sicuro, ma nella legalità

Possibilità simili attirano ovviamente gli individui poco scruplosi. E proprio per questa ragione che la Svizzera impone, dal 2009, delle misure dichiarative molto rigide : la destinazione e la provenienza di ogni oggetto, compreso il loro valore, devono essere esplicitamente indicate e dichiarate. E fuori questione prendere il minimo rischio quando si parla della reputazione della Svizzera.

E LinGOLD.com mostra la stessa identica serietà. Oltre ad una garanzia bancaria, un estratto K bis o ancora un’attestazione d’assicurazione, LinGOLD.com ha fornito al Porto Franco di Ginevra anche una lista di persone abilitate all’accesso.

La Banca Centrale del Vietnam vieta alle banche di speculare sull’oro

Tuesday, September 10th, 2013

La banca centrale del Vietnam vieta alle banche di speculare sull'oro

La Banca Centrale del Vietnam ha vietato alle banche di speculare sulle riserve d’oro. Secondo l’Autorità monetaria vietnamita, il mercato dell’oro sprofonda nel caos da un decennio a questa parte. A questo proposito, la Banca Centrale ha vietato alle banche di effettuare prestiti e trasferimenti di riserve d’oro.

I principali acquirenti d’oro sono le banche commerciali e il principale rivenditore è la Banca Centrale, che vende l’oro all’asta in un dato momento.

Tuttavia, l’instabilità dell’offerta costringe le banche ad effettuare dei movimenti rapidi e speculativi con il proprio oro. In questo modo, i prezzi dell’oro ‘nazionali’ sono molto più elevati rispetto a quelli internazionali. Il premio dell’oro fisico, nel momento in cui si acquista in Vietnam, aumenta in maniera sistematica. Per questo motivo, il mercato dell’oro è controllato da un gruppo di banche, le quali agiscono a loro piacimento.

La posizione della Banca Centrale sul mercato dell’oro beneficia di un privilegio unico. In seguito all’entrata in vigore della legge sulle tariffe doganali e il commercio esterno del 2012, la banca centrale è diventata unica produttrice, venditrice e importatrice d’oro. Ciò significa ch’essa ha da una parte il monopolio dell’offerta interna dell’oro e, dall’altra, il monopsonio delle importazioni nazionali.

Durante questi ultimi anni, la Banca Centrale, avendo il monopolio sul mercato, ha proceduto alla chiusura di migliaia di negozi di compro oro, autorizzando solamenete 16 banche (inizialmente 22) ad acquistare e vendere oro tra privati e imprese. In un tale contesto, non sorprende il fatto che il mercato si trovi in uno stato di caos permanente e che le banche cerchino di speculare sulle loro riserve d’oro.

Fonte: Vietnam.net e OroyFinanzas.com

Le importazioni d’oro del Pakistan arrivano al 102%

Thursday, September 5th, 2013

In vista del record d’importazioni d’oro in Pakistan, il governo ha deciso di sospenderle per un mese al fine di preservare le proprie riserve di valute e ridurre il contrabbando endemico presente nel Paese.

In seguito alla decisione del governo indiano, che vieta le importazioni di oro imponendo una tassa dell’8%, gli acquirenti si sono spostati in Pakistan dove l’importazione di oro è permessa ed è esente dai dazi doganali dal 2001.

Le importazioni di oro in Pakistan sono salite fino al 102% tra il 2012 e il 2013. Secondo il Pakistan Bureau of Statistics, 6.745 chili di oro del valore di 346.255 milioni di dollari sono stati importati tra 2012 e il 2013 comparati alle importazioni di 3.267 chili del valore di 171.674 di dollari tra il 2011 e il 2012.

Su base mensile, le importazioni d’oro registrate nel mese di giugno 2013 sono aumentate del 176.17% rispetto a quelle del 2012. Le importazioni d’oro nel giugno 2013 sono stimate a 40.252 milioni di dollari contro i 14.575 del giugno 2012.

Divieto d'importazione d'oro

A causa del grosso giro di contrabbando d’oro in India, le autorità pakistane hanno deciso d’interrompere le importazioni per un mese, dato l’uso improprio e l’abuso dell’importazione d’oro, esente dai dazi doganali.

Il governo indiano è impegnato in una lotta contro il contrabbando d’oro, che è aumentato del 365% circa tra il mese di aprile e quello di giugno 2013, confrontato allo stesso periodo del 2012.

Questa differenza a livello di tasse d’importazione sembra essere la causa dell’aumento delle importazioni non sottomesse ai dazi doganali in Pakistan e del contrabbando verso l’India.

Il governo pakistano prese anche l’iniziativa di diversificare le esportazioni promuovendo quella dei gioielli in oro a valore aggiunto. Il governo istituì dei regimi speciali che permettevano agli esportatori di gioielli d’importare oro senza doversi fare carico dei dazi a condizione che l’oro venisse esportato nuovamente dopo essere stato convertito in gioielli lavorati e impreziositi con pietre preziose.