Notizie RSS
    RSS
  • Tutti gli articoli
  • Tutti i commenti
Categorie

Archive for the ‘Tesoro’ Category

Divieto di possedere oro durante la Grande Depressione: lezione di cui dobbiamo fare tesoro

Thursday, January 30th, 2014
LINGOLD SAVING PLAN - GOLD

Moneta d'oro Sovrana Elisabetta II

Uno dei fenomeni più evidenti della repressione finanziaria in America, per quel riguarda il furto e la confisca dei beni dei cittadini, fu il divieto di possesso di oro fisico da investimento. Questo Decreto fu emanato dal presidente degli Stati Uniti, Franklin Roosvelt, nel 1933. Il decreto 6102 venne approvato il 5 aprile 1933. A partire da quel momento, era dunque vietato il possesso di monete d’oro, lingotti d’oro e certificati su tutto il territorio statunitense.

Il Decreto obbligava tutti i detentori di oro fisico da investimento a recarsi presso una succursale della Riserva Federale, per deporre i propri beni in oro in cambio di dollari, ad un prezzo convertibile di 20.67 dollari l’oncia.

La confisca dell’oro detenuto dai cittadini nordamericani non è nient’altro che un esempio di nazionalizzazione di un attivo, in questo caso, dell’oro fisico da investimento. Gli Stati dispongono del potere illimitato di nazionalizzare i beni a loro piacimento, poiché lo fanno ‘nell’interesse generale’ della nazione.

In questo caso, non si trattava di una semplice nazionalizzazione, poiché la Riserva Federale era una banca privata – tutte le Banche Centrali, fino alla metà del XX secolo, erano private e dovevano rispondere delle loro azioni davanti a tutti gli azionisti. Pertanto, si può solo parlare di ‘furto’ piuttosto che di nazionalizzazione.

Da parte dei media, ci fu un grande silenzio al riguardo. Il giorno in cui entrò in vigore questo decreto, il giornale The New York Times diffuse la notizia della fine del divieto del cosidetto ‘Proibizionismo’, che impediva ai cittadini americani di fabbricare, vendere, importare e trasportare bevande alcooliche, che era, all’epoca, la maggiore preoccupazione degli americani. In effetti, i cittadini erano più preoccupati di non poter bere alcool che di vedere le poprie ricchezze confiscate!

Questo genere di decisione non fu né la prima né l’ultima. Già nel 1638, il re Carlo d’Inghilterra s’impossessò di 200 000 lire sterline d’oro fisico da investimento appartenenti ai suoi suddetti, in vista dell’imminente guerra civile inglese.

I sudditi delegarono al Museo della Moneta della custodia del loro oro per ragioni di sicurezza. Questo facilitò il lavoro del monarca, il cui scopo era quello di confiscare tutto l’oro depositato in questo luogo. Tutto ciò doveva sembrare un prestito ma, naturalmente, il Tesoro non venne mai restituito ai sudditi.

Fonte: Blog di Simon Black e OroyFinanzas.com

Manipolazioni del prezzo dell’oro e dell’argento. Il cerchio si restringe.

Tuesday, March 19th, 2013

Secondo alcune fonti del settore finanziario, le autorità di regolamentazione americane stanno indagando su eventuali manipolazioni del prezzo del mercato dell’oro più importanti al mondo.

Il Commodity Futures Trading Commission (CFTC – Agenzia Statunitense che si occupa del controllo e della regolamentazione del mercato dei futures) esamina da vicino il metodo con il quale vengo fissati i prezzi a Londra. Questi verrebbero decisi da alcune banche che s’incontrano due volte al giorno per fissare il prezzo ‘spot’ dell’oncia troy dell’oro fisico, stando a quanto affermano alcune fonti.

Live prices

Il CFTC si concentra sulla trasparenza dei fatti per quanto riguarda la fissazione dei prezzi sia per il mercato dell’oro che per quello dell’argento, anche se quest’ultimo è meno importante. Nessun’inchiesta ufficiale è stata ancora aperta secondo quanto si è appreso fin’ora.

Questo studio è stato avviato quando gli organismi di regolamentazione hanno riconsiderato su scala più ampia i criteri di referenza finanziaria a seguito di uno scandalo legato alla manipolazione di un tasso d’interesse. Tre grandi banche hanno pagato delle multe per un totale di 2.5 miliardi di dollari americani in seguito alla presunta manipolazione di un tasso interbancario (o Libor – London Interbank Offered Rate) a Londra e per la quale più di una dozzina di società finanziarie sono sotto inchiesta.

Il prezzo dell’oro viene fissato quotidianamente da un gruppo di banche e questo gioca un ruolo importante sul prezzo del settore della gioielleria. Questo determina i guadagni che le compagnie minerarie ottengono vendendo le loro materie prime alle raffinerie.

Il prezzo dell’oro del mercato più grande del mondo è stato davvero controllato da 5 banche? Vedere il video sull’inchiesta della fissazione dei prezzi dell’oro. Immagine: Getty Images.

Tutto ciò permette di determinare il valore dei prodotti i quali prezzi sono legati ai metalli. Le banche commerciali americane disponevano di circa 198 miliardi di dollari in contratti legati ai metalli preziosi durante il mese di settembre 2012, stando a quanto afferma l’Ufficio di Controllo della Valuta ( Office of the Comptroller of the Currency).

La decisione del CFTC è inquietante. L’agenzia diretta dal 2009 da Gary Gensler, un ex dirigente della Goldman Sachs Group Inc, ha giocato un ruolo determinante a livello mondiale nell’inchiesta sul tasso d’interesse.

Gensler ha chiesto che il Libor ed altri criteri di renferenza siano oggetto di nuove riforme che obbligheranno questi ultimi ad essere fondati su delle transazioni reali piuttosto che su delle stime. Gensler è co-presidente di un gruppo di organismi internazionali di regolamentazione con la funzione di esaminare questi criteri, e pubblicherà una serie di nuove direttive entro la primavera prossima.

« Il fatto di pensare che una manipolazione generalizzata o perlomeno il tentativo di manipolazione ( dei tassi d’interesse) possa espandersi ci porta a farci delle domande sulla veridicità di altri punti determinanti » ha dichiarato Bart Chilton, Commissario al CFTC, durante una tavola rotonda del 26 febbraio scorso a Washington sui riferimenti finanziari.


Nel caso del Libor, sono stati dei traders a fornire dei falsi dati all’organismo incaricato di pubblicare i tassi di riferimento nel tentativo di creare vantaggi e redditività. La Barclays PLC, la Royal Bank of Scotland Group PLC e l’UBS AG hanno pagato delle ammende per un totale di circa 1,2 miliardi di dollari, versati al CFTC.

I dirigenti del CFTC hanno dichiarato che il caso della Libor aveva attirato tutta la loro attenzione. L’agenzia aveva già segnalato alcuni casi tra il 2003 e il 2005, sanzionando alcune compagnie e dei prestatari per aver cercato di manipolare il prezzo del gas naturale fornendo delle informazioni false alle società incaricate delle classifiche energetiche.

Il CFTC iniziò a manifestare preoccupazione in seguito a delle denunce ricevute da alcuni investitori nell’estate del 2008. Questi ultimi erano preoccupati in effetti dell’improvviso declino del prezzo dell’argento. Tutto ciò poteva essere frutto solo di una manipolazione del mercato.

La CFTC non ha mai confermato o negato queste accuse.

Un portavoce della CFTC non si è voluto esprimere a questo proposito.

Il controllo della fissazione dei prezzi del mercato dell’oro e dell’argento è da tempo fonte di dibattito.

Secondo Kurt Pfafflin, mediatore di metalli preziosi presso la Daniels Trading a Chicago, questo pensiero è sempre esistito in quelle persone che credono nelle teorie cospirazioniste. Pfafflin consiglia di non credere alle manipolazioni del prezzo ‘spot’.

Le fissazioni dei prezzi, che risalgono al 1897 nel caso dell’argento e al 1919 nel caso dell’oro, si effettuano attraverso delle conferenze telefoniche tra banche. Le chiamate relative all’oro si svolgono tra le 10.30 e le 15.00 (ora inglese). Le chiamate per l’argento invece si svolgono tutti i giorni a mezzogiorno.

La fissazone dei prezzi dell’oro a Londra coinvogle 5 banche: la Barclays, la Deutsche Bank AG, l’HSBC Holdings PLC, la Bank of Nova Scotia e la Société Générale SA. La fissazione del prezzo dell’argento implica la Bank of Scotia, la Deutsche Banck e l’HSBC.

Il portavoce della Barclays, l’HSBC e la Deutsche hanno rifiutato di commentare.

I rappresentanti delle altre due banche erano irraggiungibili.

I metodi di fissazione dei prezzi sono “piuttosto legati all’offerta e alla domanda fino a quando non viene determinato un prezzo. E’ un metodo completamente trasparente. Niente a che vedere con il Libor” ha dichiarato un portavoce del London Bullion Market Association (LBMA), incaricato di prendere le decisioni sulle direttive in materia di qualità dell’oro e dell’argento negoziati sul mercato londinese, ma non ne gestisce i prezzi.

Fonte: Wall Street Journal

Il Museo dell’oro di Bogotá

Friday, February 15th, 2013

Il Museo dell’oro di Bogotà è uno dei musei più prestigiosi al mondo ed il più bello di tutta la Colombia. Fu creato nel 1939 quando il Banco della Repubblica di Colombia acquisì un pezzo straordinario: il Poporo Quimbaya, un recipiente adibito al contenimento della calce in polvere che veniva masticata con le foglie di Coca.

Il Poporo Quimbaya, pezzo d'arte precolombiana dell'epoca classica Quimbaya. Questo è uno dei primi pezzi d'arte acquisiti dal Museo dell'oro.

La prima esposizione ebbe luogo nella sala delle riunioni del Banco della Repubblica di Colombia, nel 1940; in seguito, nel 1947, gli venne dedicato un salone affinché dei visitatori speciali potessero visitarlo. Ma è solo nel 1959 che il Museo aprì le porte al grande pubblico.

Il progetto di ristrutturazione architettonica e museografica, insieme all’estensione del Museo, sono stati eseguiti in due tappe: la prima riguardava la costruzione di un nuovo edificio, inaugurato nel 1968 nel Parco di Santander. Quest’edificio vinse il Premio Nazionale d’Architettura nel 1970.

La seconda tappa consisteva nel rinnovamento del vecchio edificio nel 1968 ed il suo raccordo con quello nuovo. E così, dopo circa un decennio e un’iniezione di 20 milioni di dollari, il museo fu ingrandito e rinnovato nell’ottobre del 2008.

In questo nuovo spazio, troviamo la storia dell’oro e di altri metalli delle culture preispaniche dell’attuale territorio colombiano. Qui si trova la più importante collezione a livello mondiale di gioielli preispanici, che conta circa trentaquattromila opere d’oro e di tombacco, corrispondenti alle diverse culture indigene della Colombia tra cui quella Calima, Muisca, Nariňo, Quimbaya, Zenú, Tayrona, San Augustín, Tierradentro e Tolima, e così via.

Tromba della cultura Calima: venne tagliata inizialmente in due ossa probabilmente umane e dopo placata in due sezioni con sottili strati d'oro.

Amedeo I: le altre monete da 25 e 100 Pesetas d’oro

Tuesday, July 10th, 2012

Amedeo I di Savoia

Figlio del Re italiano Vittorio Emanuele II, Amedeo I, fu proclamato Re di Spagna il 2 gennaio del 1871. Fino ad allora, chi deteneva il potere in Spagna desiderava instaurare una Monarchia Costituzionale – per questo scelsero un re straniero e crearono il sistema del mandato.

Amedeo I fu il primo re di Spagna ad essere stato scelto dal Parlamento. Egli ebbe contro alcuni membri come i Carlisti, i Borboni, la chiesa e il popolo che lo consideravano poco simpatico e con troppe lacune nella lingua spagnola.

Alla morte del generale Prim, la coalizione politica che Amedeo I mise al potere si dissolse poco a poco. Le pressioni delle rivolte federali, la perdita del sostegno dei capitalisti e la guerra carlista spinsero il re italiano a rinunciare al trono l’11 febbraio 1873.

Dei suoi 2 anni di regno, furono concepiti due punzoni con la sua effigie per le monete da 5, 25 e 100 pesetas – alcune furono coniate come prova.

Nel 1868, fu introdotto un nuovo parametro nel sistema monetario spagnolo. Cosa unica al mondo, si trattava d’inscrivere due date sulle monete: quella di approvazione del tipo e quella della coniazione. Nondimeno, quest’iniziativa non fu seguita correttamente tra il 1871 e il 1875, coprendo solo una parte del regno di Amedeo I. Secondo le informazioni raccolte da “El Catálogo de la Peseta”, sembra che la quantità di monete emesse con la data (tra due stelle) 18-71 siano più comuni rispetto a quelle 18-73, quelle 18-74 non appaiono che nel 20% dei casi, mentre quelle 18-75 solo nel 10% dei casi circa.

Solo durante la prima Repubblica, e non prima della fine del 1873, il processo delle due date cominciò a funzionare meglio, inscrivendo così anche la vera data tra le stelle delle monete.

Ma questa precisione delle date intervenì in un momento in cui la moneta non rifletteva più la realtà poiché Amedeo I rinunciò al trono nel febbraio del 1873. Venne instaurata la Prima Repubblica spagnola e,successivamente, salì al potere Alfonso XII, anche se le monete con l’effigie di Amedeo I continuarono ad essere coniate fino alla metà del 1875.

I marchi di garanzia delle monete di Amedeo I

Cinque persone furono incaricate di assicurare la garanzia di queste monete. Al dritto, troviamo le iniziali del primo incisore – al rovescio, le iniziali dei due collaudatori:

Incisore: L.M. : Luis Marchionni

Collaudatori:

SD M: Donato Álvarez Santullano, Eduardo Díaz Pimienta y Ángel Mendoza Ordóňez

DE M: Eduardo Díaz Pimienta, Julio de Escosura Tablares y Ángel Mendoza Ordóňez

L’incisore generale, Luis Marchionni, venne incaricato durante il regno d’Isabella II. Per quest’ultima, egli effettuò anche le ultime due incisioni delle sue monete. Successivamente, Marchionni fu incaricato per dei lavori per il Governo Provvisorio e per la splendida effigie di Amedeo I (evitata del tutto dai produttori di monete false). Le sue incisioni erano così perfette che sopravvissero agli interessi pubblici dei periodi di fermento durante i quali egli lavorò.

Luis Marchionni andò in pensione nel 1873, ed è considerato come uno dei migliori incisori che abbia mai avuto la Fábrica de la Moneda.

25 Pesetas d’oro

25 Pesetas di Amedeo I

Caratteristiche:

Titolo: 900 millesimi

Diametro: 24 millimetri

Peso: 8.0645 grammi

Officina: Madrid

Parte delle prime monete: incisione in rilievo di 27 stelle a sei punte.

Parte delle monete coniate in oro rossastro: JUSTICIA Y LIBERTAD (GIUSTIZIA E LIBERTA) separata da tre gruppi di due stelle a sei punte.

Dritto: AMEDEO I REY DE ESPAÑA *1871* (AMEDEO I RE DI SPAGNA *1871*) – ritratto del re rivolto verso destra.

Rovescio: Ley 900 Milésimas (Titolo 900 millesimi) – 124 piezas en kilog. (124 pezzi in kilog.) SD 25 PESETAS M, attorno agli armamenti della Spagna con lo scudo dei Savoia, accerchiato dal mantello e dal vello.

Numero di coniazioni: 1871 (75) SD M = 25

<< Le prime coniazioni realizzate con una lega a base di un 10% d’argento conferiscono a queste monete un tono giallo chiaro, ciò che le differenzia dalle monete coniate più tardi, che mostrano un tono più rossastro.

Queste monete, così come quelle da 100 pesetas dello stesso anno, furono le prime monete d’oro a mostrare un valore nominale in pesetas, per via della Riforma del 19 ottobre 1868. Sono state coniate per volere della Direzione Generale del Tesoro il 22 agosto 1871, in qualità di prova, ed è impossibile conoscere il numero esatto delle monete fabbricate nel ‘71 >>.

(Informazioni estrapolate dal Catálogo de la Peseta di J.Aledón y de Modern World Gold Coins).

In generale, le monete da 25 pesetas cominciarono ad essere coniate su Decreto Reale del 15 marzo 1871. In precedenza, la Riforma della peseta non integrava nei valori coniati le monete d’oro da 25, omettendo il modello da 8 grammi così ben conosciuto in Spagna, Germania, Olanda, ecc…

Di queste monete, solo alcune furono coniate come prova. E’ sotto il regno di Alfonso XII ch’esse cominciarono a venire fabbricate in serie.

100 Pesetas d’oro

100 Pesetas di Amedeo I

Caratteristiche:

Titolo: 900 millesimi

Diametro: 35 millimetri

Peso: 32.25 grammi

Officina: Madrid

Metà: Incisione in rilievo tramite il sistema a ghiera aperto a tre punte, con le parole JUSTICIA Y LIBERTAD (GIUSTIZIA E LIBERTA), separate tra loro da tre gruppi di due stelle a sei punte.

Dritto: Ley 900 millesimi (Titolo 900 millesimi) – 31 piezas en kilog. (31 pezzi in kilog.) SD 100 PESETAS M, attorno agli armamenti della Spagna con lo scudo dei Savoia, accerchiato dal mantello e dal vello.

Numero di coniazioni in oro giallo: 1871 (71) = 25

Numero di coniazioni in oro rosso: 1871 (71) = 50

< Una vendita all’asta ebbe luogo a Madrid il 16 marzo 1995, dove venne messa in vendita una di queste monete al prezzo iniziale di 15.000.000 di pesetas (vale a dire 90.151,82 €) >.

(Informazioni estrapolate dal Catálogo de la Peseta di J.Aledón y de Modern World Gold Coins).

Ulteriore coniazione di queste monete

Non potendo disporre degli esemplari originali delle sopracitate monete, Alfonso XIII ne fece coniare altre uguali. Più tardi, si scoprì che queste monete apparvero nel 1863, e che provenivano dalla Svizzera.

Il Decreto del 21 marzo 1871, che diede luogo alla creazione della moneta da 25 pesetas d’oro, stipulava che: non sarebbe dovuta apparire alcuna legenda sulla metà della moneta, e che i coni nelle loro parti lisce avrebbero dovuto avere delle particolarità per distinguere queste monete dalle altre proveniente da diversi Paesi.

Ma le monete in oro rosso che vennero coniate nuovamente presentavano sulla metà: JUSTICIA Y LIBERTAD (GIUSTIZIA E LIBERTA), separate tra loro da tre gruppi di due stelle a sei punte, simili all’incisione della metà delle monete da 100 pesetas.

Così, queste due monete d’oro rossastro erano delle nuove coniazioni extra-ufficiali, con i coni originali, e per dei fini puramente lucrativi.

Essendo delle monete molto rare e difficili da trovare, possederne o decidere di acquistarne è un vero lusso – per farla breve, un grande tesoro!

La grande confisca: detenzione illegale di oro negli Stati Uniti tra il 1933 e il 1975.

Friday, April 6th, 2012

Moneta americana 20 dollari Liberty St. Gaudens.

Avete mai sentito parlare del colpo di stato di Roosvelt del 5 aprile 1933? Quel giorno, il presidente americano decretò la detenzione illegale di oro dei cittadini americani, e gli ordinò di restituire tutte le monete, lingotti, e certificati d’oro alle banche federali entro il 1° maggio 1933, al prezzo di $ 20, 67/oncia.

Il 1933 fu caratterizzato dalla Grande Depressione, la quale provocò una terribile penuria di oro. L’Emergency Banking Relief Act del 1933 venne approvato per << sostenere il rilancio del settore bancario e per altri obiettivi.. >>.

Chiunque si fosse rifiutato di restituire il proprio oro veniva punito con un’ammenda di 10 000 $ e 10 anni di prigione. Queste misure vennero adottate per impedire al grande pubblico di stoccare oro fisico. Il perché è molto semplice: rendere illegale la detenzione diretta di oro fisico! Ma come spesso accade quando un governo agisce in caso di emergenza, questa legge fu la causa che scatenò la valanga che oggi minaccia d’inghiottire il dollaro.

Nel 1934, Roosvelt annunciò la confisca dell’oro delle banche (Gold Reserve Act: in cambio di certificati che non potevano essere scambiati con l’oro!). Questa legge restò in vigore negli Stati Uniti fino al 1975, quando il dollaro era ormai indipendente dall’oro già da qualche anno.

Tuttavia, ciò non impedì agli americani di comprare e vendere oro “sotto banco”, sopratutto in forma di pagliuzze che la legge aveva dimenticato di menzionare. Senza parlare di quegli americani che avevano capito il vero potere dell’oro e lo conservavano nelle casseforti in Svizzera.

Le riserve della ricchezza sono immobili, ma il valore di questi beni (le monete) circola (vedi il nostro articolo sulle pietre dell’Isola di Yap).

Da leggere The Gold Confiscation of April 5, 1933.

Alessia Pinna

Dopo un decennio di crescita, l’oro continua ad attrarre investitori e risparmiatori!

Tuesday, March 20th, 2012

Monete d'oro - Republique française

L’oro si è guadagnato la reputazione di valore rifugio per eccellenza. Tuttavia, quest’investimento comporta dei rischi che grazie ai consigli che noi di LingOro.net vi diamo potrete evitare d’incontrare.

Dall’acquisto alla rivendita, le chiavi dell’oro fisico.

Quando gli investitori temono la fine del mondo, comprano oro. Era il 9 settembre 2011: l’oncia sfiorò i 1 900 $ al fixing di Londra, la sua referenza. E le ragioni sono evidenti: qualche settimana prima, i mercati azionari erano crollati per paura di una recessione economica e delle incertezze a causa dell’indebitamento degli Stati Uniti e dei Paesi della zona euro. Il peggio sembrava ormai certo!

Sul mercato dell’oro, questo vertice era la conferma di un decennio di crescita quasi continuo, anche se, in dollari attuali, il record del 1980 non è stato (ancora) raggiunto.

Decennio euforico

Dall’inizio del millennio, il prezzo dell’oncia si è quintuplicato. Questo fenomeno ha riportato l’industria aurifera all’ebollizione. I professionisti, che soprattutto dopo il 2008, hanno visto affluire le persone in cerca di lingotti per mettere al sicuro i loro risparmi, hanno lanciato nuove offerte. Visto l’alto prezzo dell’oro al chilo, sono stati creati dei piccoli tagli, i lingottini. I nuovi professionisti si sono moltiplicati, specialmente su internet, per rispondere ad una domanda sempre più forte. I banchieri, che restano gli intermediari più sollecitati, si sono dovuti formare nuovamente per la vendita dell’oro, pratica ormai caduta in obsolescenza.

Un tesoro dormiente

Mentre il prezzo dell’oro sale in vetta, le persone si rendono conto del tesoro che giaceva latente nei loro cassetti. Gli opportunisti non si sono sbagliati, e le offerte di riacquisto del vecchio oro hanno invaso le strade per catturare parte di questa manna.

Mi rivolgo ai compratori di oro che vogliono diversificare il proprio patrimonio, ma anche ai venditori desiderosi di approfittare dell’impennata dei prezzi dell’oro per trasformare il proprio oro in soldi: acquistate il vostro oro cercando di evitare le truffe e tenendo conto della fiscalità!

Tradotto da: Alessia Pinna

Tratto da: Investir.fr