Notizie RSS
    RSS
  • Tutti gli articoli
  • Tutti i commenti
Categorie

Archive for the ‘Estero’ Category

Dov’è finito l’oro della Germania?

Tuesday, September 23rd, 2014
LINGOLD SAVING PLAN - GOLD

Dov'è finito l'oro della Germania?

Dopo più di un anno dall’inizio del rimpatrio dell’oro della Germania, la “saga” continua. Dove sono andate a finire le riserve che furono state affidate agli Stati Uniti? Perché la Germania ha rinunciato al rimpatrio del proprio oro?

Riassunto degli episodi precedenti : inizio anno 2013, la Germania aveva intenzione di rimpatriare il proprio oro, in parte stoccato in Francia e negli Stati Uniti (presso la FED), al fine di disporre delle loro 3.3996 tonnellate d’oro sul proprio territorio entro il 2020.

Il desiderio di rimpatrio delle proprie riserve in oro è stato un segnale forte per il sistema monetario internazionale. In un periodo di crisi (che, ricordiamo, è lontano dall’essere terminato), è comprensibile che gli Stati cerchino di prendere tutte le precauzioni possibili. E un dato di fatto, ormai, se l’euro crolla, la migliore copertura è l’oro.

Nelle riserve delle due nazioni sono stati effettuati delgi audit… l’oro tedesco conservato alla FED si è completamente volatilizzato. Pertanto, le 1500 tonnellate d’oro (del valore pari a circa 70 miliardi di dollari) sono stoccate nella zona di massima sicurezza della FED, a 26 metri sotto terra, “il posto più sicuro al mondo”.

La versione “ufficiale” della FED è ch’essa rifiuta semplicement di restituire l’oro alla Germania! La banca federale americana ha accettato di restituire solo 300 tonnellate alla Germania entro il 2020. Per ora, solo una piccolissima parte delle riserve (34 tonnellate) è stata restituita, e l’oro restituito era nuovo…

Un’ex manager della Goldman Sachs afferma che la Germania non rivedrà mai più il proprio oro, nonostante la FED non avesse l’autorizzazione di servirsi di quest’oro.

In seguito alle pressioni degli Stati Uniti, la Germania ha, infine, rinunciato al rimpatrio del proprio oro nel giugno del 2014, stimando che “ le proprie riserve sono conservate in tutta sicurezza negli Stati Uniti”. L’accordo concluso tra le due nazioni è stato quello, per la Germania, di “realizzare delle operazioni di scambio in monete estere in caso di bisogno”.

Encora una volta, abbiamo la prova che davanti agli Stati Uniti e all’egemonia del dollaro, nessuno Stato è sovrano sul proprio oro…

La Svizzera annuncia una maggiore trasparenza sui risultati delle importazioni ed esportazioni d’oro

Tuesday, July 29th, 2014

Analisi statistica delle imoprtazioni ed esportazioni d'oro in Svizzera

I principali attori del mercato dell’oro in Svizzera hanno raggiunto un accordo in concomitanza con i regolatori del mercato al fine di offrire una visione più trasparente e frequente sulle informazioni legate alle esportazioni e importazioni dell’oro. Dal 1° gennaio 2014, tali informazioni sono pubblicate mensilmente.

Queste informazioni in Svizzera offrono una minore trasparenza rispetto ad altri mercati. Fino ad’ora, questo tipo di informazioni venivano comunicate trimestralmente e senza nessuna precisazione circa la provenienza dell’oro o della sua destinazione finale.

La decisione, dopo anni di pressionie da parte degli attori del mercato privati, è stata apprezzata dagli agenti del mercato come, ad esempio, i fabbricanti di orologi in oro. Questi considerano tale informazione molto importante per conoscere sia l’origine che la destinazione dell’oro.

La Cina è sicuramene il Paese che trae maggiore beneificio da questa decisione. Stando ai risultati ottenuti nel 2012, la Svizzera avrebbe esportato verso l’Asia 1.570 tonnellate d’oro.

Alcuni analisti sottolineano anche che l’effetto di tale decisione è limitato. « Interpretare le statistiche del commercio estero è un lavoro molto delicato, non solo per la natura delle informazioni ma anche per via dell’esistenza d’informazioni che sono spesso in conflitto tra loro» – spiega David Jollie, analista presso Mitsui Precious Metals.

L’interpretazione delle statistiche del commercio estero è basata su un esercizio contabile, in particolare quello dell’Ufficio delle Statistiche. Nonostante esistano delle parti e dei movimenti difficilmente comprensibili o la cui destinazione/provenienza non coincidono realmente, tale decisione serve a farci avvicinare a dati più precisi.